Chi è Craig Wright?

Craig Wright (nato nel 1970) è uno scienziato informatico australiano che afferma di essere Satoshi Nakamoto, il misterioso inventore di Bitcoin.Secondo Wright, è stato coinvolto nella creazione di Bitcoin insieme al suo amico, il defunto esperto di sicurezza informatica Dave Kleiman.Ha fatto questa affermazione dopo che la rivista Wired e Gizmodo hanno presentato la possibilità che fosse Nakamoto in un articolo del dicembre 2015.L'articolo citava numerose fonti, tra cui la corrispondenza e-mail di Wright e le trascrizioni delle chat con conoscenti, e faceva riferimento a rapporti commerciali per sostenere la sua tesi.

L'affermazione di Wright ha generato intrighi e scetticismo all'interno della comunità Bitcoin.Alcuni hanno sostenuto la sua affermazione.Ad esempio, Gavin Andresen, un direttore della Bitcoin Foundation che ha corrisposto con Nakamoto mentre svolgeva il lavoro di programmazione iniziale in Bitcoin, si è detto "convinto oltre ogni ragionevole dubbio" che Wright fosse Satoshi. Ma i critici sono rimasti in gran parte non convinti della storia di Wright e hanno chiesto di prova conclusiva.Il ricercatore sulla sicurezza Dan Kaminsky ha sottolineato il tentativo fallito di Wright di dimostrare la sua storia per rafforzare la sua affermazione secondo cui l'intero esercizio era una truffa.Nel 2021, Andresen ha ritrattato la sua precedente affermazione, dicendo che era stato un errore.

Wright attualmente lavora come capo scienziato presso nChain Inc., una società di ricerca e sviluppo blockchain.

Da asporto chiave

  • Craig Wright è uno scienziato informatico e uno dei primi collaboratori del progetto Bitcoin.
  • Wright ha affermato di essere la vera identità di Satoshi Nakamoto, lo pseudonimo del creatore altrimenti anonimo di Bitcoin.
  • Nonostante le sue affermazioni, la maggior parte della comunità delle criptovalute rifiuta o rimane molto scettica sul fatto che Craig Wright sia Satoshi.


Inizio carriera e istruzione

Craig Wright è nato in Australia nel 1970.Si è diplomato al liceo di Brisbane nel 1987.

Dichiara di aver conseguito diversi diplomi accademici e certificazioni, tra cui master in finanza quantitativa (presso l'Università di Londra-SOAS), giurisprudenza (Università della Northumbria), statistica (Università di Newcastle, Australia), sistemi di sicurezza delle informazioni (Charles Sturt University) , amministrazione di reti e sistemi (Charles Sturt University), gestione IT (Charles Sturt University), ingegneria IS (Sans Technology Institute) e scienze politiche (Liberty University). Afferma anche di aver ricevuto un dottorato in economia aziendale (dalla Grand Canyon University) e un dottorato di ricerca. (Charles Sturt University), un dottorato in teologia (United Theological College).

È stato docente e ricercatore in informatica alla Charles Sturt University, autore di molti articoli, articoli accademici e libri e ha parlato pubblicamente a conferenze su IT, sicurezza, Bitcoin e altri argomenti relativi alla valuta digitale.

Alcuni hanno chiamato Wright per aver abbellito o mentito sulle sue credenziali accademiche.In effetti, la Charles Sturt University di Sydney, in Australia, ha inviato a Forbes una dichiarazione nel 2015 affermando: "Il signor Wright non ha ricevuto un dottorato di ricerca dalla CSU".

Risultati notevoli

A parte le questioni relative a Bitcoin, Wright afferma di aver condotto personalmente oltre 1.200 impegni relativi alla sicurezza IT per oltre 120 organizzazioni australiane e internazionali nei settori privato e governativo.Dott.Wright afferma di aver ricoperto anche posizioni dirigenziali senior in società focalizzate su valuta digitale, analisi forense digitale e sicurezza IT, incluso il titolo di vicepresidente del Center for Strategic Cyberspace and Security Science.

Ha anche lavorato su sistemi tecnologici che proteggevano la borsa australiana, ha formato il governo australiano e i dipartimenti aziendali in sicurezza SCADA, guerra informatica e difesa informatica e ha contribuito a progettare l'architettura per il primo casinò online al mondo (Lasseter's Online in Australia).

Craig Wright è Satoshi?

La rivista Wired e il sito di notizie tecnologiche Gizmodo sono state le prime pubblicazioni a suggerire che Wright abbia inventato Bitcoin.Wright afferma anche di essere Satoshi sul suo sito web personale.Wired ha basato la sua affermazione su un assortimento di prove, da una raccolta di documenti memorizzati nella cache ai post del blog cancellati sul sito personale di Wright alle e-mail inviate ai redattori dai suoi conoscenti.

Il caso per Wright di essere Satoshi

Secondo la pubblicazione, Wright ha utilizzato lo stesso indirizzo e-mail di Nakamoto per la corrispondenza.Gizmodo ha anche pubblicato e-mail di Wright che facevano pressioni per l'accettazione normativa di Bitcoin a figure politiche e agenzie governative.Nelle e-mail alludeva alla possibilità di rianimare Nakamoto, scomparso dopo aver rivelato l'esistenza di Bitcoin, per sostenere la criptovaluta. "Il nostro amico giapponese avrebbe peso uscendo dalla pensione o no?" ha scritto.

Wright dovrebbe anche aver pubblicato un post sul blog che annunciava il lancio di Bitcoin il 10 gennaio 2009.Il post, intitolato "La beta di Bitcoin è in diretta domani", è stato da allora cancellato.In un altro pezzo di "prova",Wright ha affermato in una conversazione con i suoi avvocati fiscali che gestisce Bitcoin dal 2009.

Oltre ai post e alla corrispondenza di Wright, le pubblicazioni hanno anche indicato i suoi interessi commerciali, che assomigliano a quelli necessari per eseguire operazioni di mining di criptovaluta.Attraverso la sua società, Tulip Trading, si dice che Wright controlli gli 1,1 milioni di bitcoin detenuti da Nakamoto.Quei bitcoin non possono essere spostati fino al 2020, secondo un PDF del fondo fiduciario firmato dal compianto Dave Kleiman, ha affermato Wired.

L'articolo di Wired ipotizzava che Wright potesse trattenere la scorta per futuri scopi di investimento.Si dice anche che Tulip Trading abbia realizzato il 17° supercomputer più veloce del mondo, C01N, con una velocità di 3,52 Petaflops. (Un petaflop è 1.000 teraflop o un trilione di operazioni in virgola mobile al secondo).

Wright possedeva anche una vena di antiautoritarismo come Nakamoto.Si è iscritto a una mailing list cypherphunk che è servita per mettere a punto ed evolvere gli standard per le criptovalute.Wright è anche un libertario che raccomanda un ritorno al gold standard e un fan della cultura giapponese.

Verifica delle affermazioni di Wright

Secondo gli esperti di crittografia, Wright deve svolgere una delle seguenti due attività per sostenere la sua affermazione di essere Nakamoto.

  • Potrebbe condurre una transazione bitcoin utilizzando la chiave privata di Nakamoto.
  • Potrebbe "firmare" crittograficamente un messaggio utilizzando lo stesso set di chiavi. (Un messaggio firmato con una chiave privata è crittograficamente sicuro e può essere sbloccato solo con una chiave pubblica corrispondente).

Gavin Andresen della Bitcoin Foundation ha incontrato Craig Wright nel 2016 in un hotel di Londra per accertare prove riguardo alle sue affermazioni.Durante il suo incontro con Andresen, Wright ha firmato un messaggio - "Il numero preferito di Gavin è undici" - con le sue iniziali e una chiave privata da uno dei primi 50 blocchi bitcoin mai estratti.

Wright ha firmato il messaggio sul proprio laptop e lo ha trasferito su un computer nuovo di zecca utilizzando una chiavetta USB di proprietà di Andresen.Dopo un iniziale singhiozzo, durante il quale Andresen si è accorto di aver dimenticato di aggiungere le iniziali di Wright, la firma è stata verificata dal software di Bitcoin Electrum. "Credo che Craig Steven Wright sia la persona che ha inventato Bitcoin",Andresen ha proclamato sul suo sito web il giorno successivo.

Tuttavia, è stato successivamente rivelato che Wright probabilmente ha ingannato Andresen.

Il caso contro Wright che è Satoshi

Ma il tentativo di Wright di dimostrare pubblicamente di essere un creatore di Bitcoin è fallito.Il giorno dopo la sua dimostrazione privata con Andresen, Wright ha pubblicato un messaggio sulla blockchain pubblica di Bitcoin con il testo del filosofo francese Jean-Paul Sartre.Il documento era incompleto e firmato con una chiave privata che avrebbe dovuto estrarre la versione completa.Il ricercatore sulla sicurezza Dan Kaminsky ha scoperto che la chiave di Wright estratta dai dati delle transazioni del 2009, che aveva la firma pubblicamente disponibile di Satoshi da parti della blockchain.

I critici hanno anche analizzato altre prove e hanno trovato l'affermazione di Wright volenterosa.Le chiavi PGP di Wright sono state create nel 2009 e potrebbero essere ricondotte all'indirizzo e-mail di Satoshi Nakamoto.Sia Wired che Gizmodo affermano che questo è una parte importante del loro caso per Wright come Nakamoto.Ma Motherboard, una pubblicazione di Vice, ha smentito questa teoria.Le chiavi PGP possono essere retrodatate e anche fissate per puntare all'indirizzo e-mail di chiunque.

All'oscurità si aggiungono le accuse secondo cui Craig Wright ha travisato le sue credenziali accademiche e ha mentito sulle partnership della sua azienda.In una versione precedente del suo profilo su LinkedIn, il sito di networking per il lavoro, Wright ha dichiarato di aver conseguito un dottorato presso la Charles Sturt University in Australia.Ma l'Università ha detto a Forbes che non gli aveva assegnato un dottorato.

Cloudcroft, la società di Wright, ha anche affermato di aver collaborato con Silicon Graphics International, un'azienda di calcolo ad alte prestazioni che è stata successivamente acquisita da Hewlett-Packard, per sviluppare due supercomputer che sono elencati tra i primi 500 al mondo.Ma SGI ha negato che Cloudcroft fosse un cliente e ha affermato di non avere registrazioni del supercomputer C01N.

Nel 2021, Craig Wright è comparso in tribunale, dove era l'imputato in una causa intentata da un ex partner in affari sostenendo che Wright aveva rubato la proprietà intellettuale e anche affermato frode, furto e violazione dei doveri fiduciari.In gioco c'era il 50% degli 1,1 milioni di BTC verificati da Wright.La giuria ha ritenuto Wright colpevole solo di furto di proprietà intellettuale e gli ha chiesto di pagare $ 100 milioni di danni.Tuttavia, non ha dovuto rinunciare a nessuno dei suoi bitcoin.

Quanti gradi detiene Craig Wright?

Un autoproclamato "genio",Wright afferma di avere più di 20 titoli accademici e certificati.Inoltre, possiede molte altre certificazioni e credenziali professionali.

Qual è il patrimonio netto di Craig Wright?

È stato verificato che Wright detenga circa 1,1 milioni di bitcoin, per un valore di circa $ 25 miliardi a giugno 2022.

Chi ha citato in giudizio Craig Wright?

Craig Wright è stato citato in giudizio dall'eredità del suo ex socio in affari, David Kleinman, che co-gestiva la società W&K Info Defense Research con Wright.La proprietà di Kleiman ha citato in giudizio Wright per la metà dei bitcoin nel Tulip Trust (un'entità che deteneva oltre 1 milione di bitcoin), così come per la proprietà intellettuale.Alla fine, il tribunale ha assegnato $ 100 milioni alla proprietà di Kleinman, ma ha permesso a Wright di trattenere tutti i bitcoin.

La linea di fondo

Pur affermando ancora di essere Satoshi Nakamoto, gran parte della comunità cripto e dei media hanno ora deciso che queste affermazioni sono false o nella migliore delle ipotesi non verificabili.Wright afferma inoltre che il "vero" bitcoin di oggi è un hard fork di Bitcoin Cash noto come Bitcoin SV ("visione di Satoshi").Anche senza essere Satoshi, è chiaro che Wright è stato uno dei primi ad adottare Bitcoin ed è riuscito ad accumularne una notevole quantità all'inizio.Oggi afferma di essere un avvocato, banchiere, economista, pastore, programmatore, investitore, matematico, statista e "curioso del mondo".